L’Italia e la memoria con-divisa

un'immagine di partigiani jugoslavi giustiziati dai militari italiani. Immagine diventata famosa, per essere stata scambiata da Bruno Vespa a "Porta a porta" per l'esatto contrario, ossia un'esecuzione di italiani  ad opera dei partigiani jugoslavi, prima di essere smentita dagli storici presenti in studio.

un’immagine di partigiani jugoslavi giustiziati dai militari italiani. Immagine diventata famosa, per essere stata scambiata da Bruno Vespa a “Porta a porta” per l’esatto contrario, ossia un’esecuzione di italiani ad opera dei partigiani jugoslavi, prima di essere smentita dagli storici presenti in studio.

Si parla tanto di “Giornata della Memoria” e “Giornata del Ricordo”, ma imporre una visione della storia attraverso decreti legge,  finisce solo per avallare uno scorretto uso politico della stessa e di fatto hanno creare giornate “compensative” per non scontentare nessuno.

Gli scorsi quindici giorni, ossia quelli che separano il 27 Gennaio dal 10 Febbraio, si distinguono in Italia per racchiudere al proprio interno, una narrazione storica biforcata con memorie a tratti inconciliabili che non fanno altro che dare l’idea di come, aldilà delle apparenze e dei luoghi comuni, il nostro sia un paese ancora abbastanza lontano dall’avere un’unica auto-rappresentazione della propria storia patria. Continua a leggere

Annunci

“Libero cittadino? No, tifoso!”

Si continua a parlare di violenza negli stadi, grazie alla disponibilità dell’Avv. Giuseppe Lavigna,  proviamo ad offrire un quadro completo di una storia tragi-comica, ma che è riuscita a creare una rete di solidarietà aldilà degli steccati campanilistici.

Una vicenda grottesca, ma che in breve tempo e’ riuscita ad assumere i contorni dell’intrigo internazionale fino a fare sfiorare uno scontro diplomatico. Mi sto riferendo all’odissea vissuta dai tifosi laziali a Varsavia. A pochi giorni dalla scarcerazione anche degli ultimi ragazzi detenuti in Polonia,  continua il dibattito  per interrogarsi sul perché  di sanzioni così dure, Continua a leggere